Matera

IMG_0618.JPGCerto avevo visto molte foto, avevo sentito commenti entusiastici e le mie aspettative erano alte…

 

 

 

 

 

matera,accessibileE Matera non mi ha deluso sin dall’inizio, sin dal primo scorcio che ho visto.

Dall’altra parte non poteva deludermi perchè è uno di quei posti che hanno una personalità troppo forte per farlo.

Puoi non sentirti a tuo agio, può non piacerti, ma di certo non ti lascia indifferente è un luogo che te lo ricordi e che ti rimane in mente.

La sensazione che ho avuto è quella del “non luogo”, di essere proiettato in un mondo senza tempo e senza localizzazione, uno di quei posti che senti freddo ma anche caldo, in cui non sai se è più bello di giorno oppure di notte, che vorresti restare lì per sempre ma anche scappare subito.

 

matera,accessibile

 

Affacciato sul canyon mentre poco alla volta le luci del tramonto lasciano il posto a quelle delle città avevo l’impressione di essere su un altro pianeta, di ammirare un paese “fandastico” a me sconosciuto o di assistere alla rappresentazione di un enorme presepe.. tutto poteva apparire tranne che fosse reale….

matera,accessibile

 Matera, per me, resta un “non luogo” tra realtà e fantasia, tra passato e futuro…

Ma è anche un posto per nulla accessibile e per farlo bisogna avere l’aiuto di un accompagnatore, di un amico, di qualcuno che ti vuole bene e che ti aiuti, a Matera come in altri luoghi non bisogna mai dimenticare che molte volte per noi rotellati senza l’aiuto degli altri non riusciremmo nemmeno ad uscire di casa….

matera,accessibile

matera,accessibile

 Foto di Vito Raho

 

Materaultima modifica: 2011-09-25T21:54:00+00:00da rotex70
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Matera

  1. ciao, è da un bel po’ che sento parlare del tuo blog, è famoso. così sono venuta a dare un’occhiata, complimenti! io sono una super viaggiatrice leggermente disabile ma non parlo propriamente di questo nel mio nuovo blog, se avessi voglia di parteciparvi mi farebbe piacere.

  2. ciao. Mi chiamo Lisa sono di matera e ho 17 anni. ho visto il tuo blog per caso…cercavo delle foto sulla mia città e ho trovato questa. la mia bella Matera e un uomo così forte da saperla apprezzare più di tante persone che si definiscono “normali”. tutti noi sbagliamo quando facciamo una distinzione considerando normali: le persone autosufficienti e disabili:le persone con diversi handicap. Chi continua a fare questa distinzione non ha ben chiaro il concetto di “normalità”. per me normalità è qualcuno che , come te, ha la forza di non abbattersi, di continuare a sognare, a scrivere, a sorridere, a viaggiare ad apprezzare la vita…si…la vita..perchè la vita molte volte è crudele un pò con tutti noi…ma solo chi riesce ad apprezzarne anche i lati oscuri può considerarsi fiero di avere realmente “vissuto” la vita. La mia città, Matera appunto, non viene spesso apprezzata…perchè la gente si lamenta del fatto che vi sono troppe salite, troppe discese, troppi sassi…se si osserva bene, come tu hai fatto, Matera rappresenta un pò la vita di tutti noi…le discese troppo ripide rappresentano i momenti di troppa felicità che ci invadono…per poi farci giungere nella parte pianeggiante dei sassi dove continuando a camminare, incontriamo i grandi sassi che rappresentano gli ostacoli quotidiani che ci proibiscono di camminare liberamente. infine le salite rappresentano i momenti di grave difficoltà ai quali siamo tutti, troppo spesso sottoposti. solo i più forti, come te, riescono a superare quelle salite e il paesaggio che gli coglierà di sorpresa sia che sia al tramonto, o all’alba sarà…mozzafiato…così bella da ripagare le nostre fatiche. Non so se mi sono espressa chiaramente in ciò che volevo dirti….spero tu riesca a cogliere il mio messaggio…Mi dispiace che non sia stato un percorso “facile” per te ma di sicuro il paesaggio ti avrà ripagato della tua fatica. Grazie per avere arricchito la mia città…spero tu possa tornare a visitarla presto. Un grande saluto Lisa da Matera:P.

  3. Ciao Lisa
    Che bello il tuo messaggio e sei riuscita a carpire molto bene il significato che ha avuto Matera per me e non solo…
    Sai i giorni che ho passato a Matera e la fotografia che è stata scatta è stata l’immagine di un progetto che è partito a maggio, ovvero “rotellando…”.
    Sono legato a quella fotografia per vari motivi ma di certo è stata quella che ha portato fortuna a rotellando. La foto è stata scattata da Vito Raho, quindi il merito non lo prende il modello ma il fotografo ☺
    A Matera ci siamo ritornati a maggio e questo è il link dei post che abbiamo scritto; la città dei sassi non è solo un posto magico per me ma lo è anche perché nasconde dei giovani con una grande sensibilità e voglia di fare come te..
    http://rotellando.vanityfair.it/2012/06/04/rotellando-e-matera/

    Congratulazioni Lisa e torna a trovarmi sul blog di Vanity Fair e chissà che prima o poi non torniamo dalle tue parti per continuare “rotellando”

  4. quasi ogni giorno, vado a visionare i post in classifica e oggi il titolo Matera mi ha particolarmente incuriosito. Hai espresso delle sensazioni stupendamente insolite che mi hanno emozionato.
    Leggerò con piacere ed interesse tutti gli altri tuoi post.
    Un caro saluto. robi

Lascia un commento