Cape Town

 

IMG_7812.JPGPasseggiare per Cape Town per un rotellato non è proprio facilissimo, raramente si trovano scivoli per scendere dai marciapiedi, quindi l’unica soluzione è quella di srotellare in mezzo alla strada, per fortuna non è una città molto caotica e le vie più movimentate, ovvero quelle del centro, sono pedonali.

 


IMG_8326.JPG

 

 

 

 

 

 


IMG_7797.JPGTutta la città ha una forte presenza inglese, la zona centrale è in stile vittoriano, i giardini sono anglosassoni… Fatico un po’ a trovare l’Africa, la si avverte più dalle bancarelle che vendono artigianato africano che dalle streets… IMG_7828.JPG

 

 


IMG_7820.JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi stupisco in maniera molto positiva di entrare nelle chiese e di vedere che sono AIDS friendly e che vi sono, all’interno, volantini che consigliano l’utilizzo di preservativi. Il Sud Africa è uno dei paesi al mondo con il più alto tasso di sieropositivi, il contagio è diventato un emergenza sociale, maggiore della povertà e della criminalità. Per fortuna chi è veramente vicino alle persone che soffrono non si fanno influenzare da regole puritane ed antiche che mettono solo in pericolo la vita delle persone.IMG_7821.JPG



 

 

IMG_7773.JPG

 

 

 

 

 

 

 

Nel centro a Church Sq si vede la targa in cui vi era l’albero degli schiavi, sotto il quale venivano venduti, sino alla fine dell’800. A pensare che i veri abitanti di questo terra, sino a 100 anni fa erano schiavi, a casa loro, da pochi bianchi arrivati dalla tanto civilizzata Europa, mi fa vergognare di essere bianco. E se poi penso che molti degli attuali abitanti di questa nazione, sino al 1986 erano ghettizzati ed emarginati sempre a casa loro, nel nome che la razza bianca è superiore a quella nera, mi fa sentire in imbarazzo persino ad andare in giro per le loro strade. E posso comprendere che l’uomo bianco venga visto come l’uomo nero.

 

 

IMG_7842_2.JPGSalendo per le strade ripidissime di Cape Town, pare di essere a San Francisco, si arriva a Bo Kaap, zona  araba, fiancheggiata da moschee e da case colorate. E’ un piacere per gli occhi gironzolare per queste vie colorate, mettendoti di ottimo umore. Chi ci abita è per lo più di religione musulmana. Arrivati come schiavi, quando gli olandesi andarono a prenderli, visto che erano in carenza di manodopera, in Malesia, India ed Indonesia. L’incrocio di tutte queste razze (bianchi, orientali e neri) ha dato origine ai “coloured” che oggi sono la maggior parte degli abitanti di Cape Town.

 

IMG_7846.jpg

 

IMG_7844.JPG

IMG_7884.jpgIl grande orgoglio degli abitanti di Cape Town è la loro “Table Mountain”, basta prendere una funivia per salire sino in cima ed ammirare tutta la città, con le sue baie…. Ahhhh….che bellezza !!!

IMG_7893.JPG

IMG_7895_2.JPG


IMG_7856.jpgMeno entusiasmanti, dal mio punto di vista, sono le zone di Waterfront e Waterkant, in cui vi è il porto e tutto è stato costruito a misura di turista. IMG_7866.JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IMG_7861.JPG

 

 

IMG_7940.JPGGirando con l’auto per la città si notano ancora le tracce dei mondiali di calcio ed emerge tutto l’orgoglio dei sudafricani per questo evento che li ha portati al centro del mondo.

IMG_7850.JPG

Cape Townultima modifica: 2010-11-25T00:25:00+00:00da rotex70
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento