Mpamulanga

IMG_6548.JPGUn po’ frastornato dal volo e da tutte le novità che mi girano attorno, iniziamo il tour del Mpamulanga, regione a nord est del Sud Africa, al confine con il Mozambico e il Botswana.

 

 

 

 

IMG_6665.JPGIn questa prima giornata passeremo gran parte del nostro tempo sul pulmino ad ammirare i continui cambiamenti di paesaggio. Io mi posiziono bello comodo nel sedile anteriore del pullmino e guardo..guardo…

 

IMG_6557.JPGI paesaggi passano dal colore acre della terra bruciata, al verde dei prati.

 

 

 

 

IMG_6565.JPGSi sale e si scende per montagne, in alcuni momenti mi pare di essere in Trentino Alto Adige, tanto è verde e pieno di abeti e conifere altissime. Poi si scorciano piantagioni di banane, per ricordarmi che sono in Africa, per poi riemergermi tra abeti, che vengono regolamenti piantati e per poi essere tagliati per la produzione della carta.IMG_6649.JPG

 

 

IMG_6571.JPGArriviamo  a Pellegrim Rest, una cittadina dell’epoca della corsa dell’oro, che era abitata dai minatori. Ora è rimasto solamente un luogo per turisti. Gli abitanti per ricreare l’atmosfera di un tempo si vestano con i costumi dell’epoca e le abitazioni sono state mantenute come allora, insomma il classico luogo ricreato per i turisti. Che non sopporto, mi pare di essere a Gardaland. Mi mette  tristezza vedere gli abitanti/lavoratori vestiti con i foularini di un tempo solo per fare le foto altrettanto tristi. Per fortuna ci facciamo un giretto veloce e ci dirigiamo subito verso la guest house in cui staremo per i prossimi due giorni.

IMG_0148.JPGLa guest house Bohm’s Zeederberg  (http://www.bohms.co.za ) è un posto incantevole, in Italia sarebbe definito come un agriturismo di lusso. Un giardino che pare un piccolo Eden, dove svolazzano uccelli di ogni colore e vi sono fiori di ogni genere. Essendo posizionato in mezzo al nulla, il silenzio è totale. A parte le cicale e i grilli che fanno un gran chiasso. IMG_6628.JPG

 

IMG_0151.JPGE’ arredato con gusto in perfetto stile africano, con tanti piccoli particolari che danno una sensazione di ospitalità, essendo tutto aperto è facile vedere nella sala da pranzo pipistrelli, gechi o altri animali e ti fa sentire ancora di più in Africa…

 

IMG_0151.JPGLe camere sono dei piccoli appartamenti, sistemati in varie zone del parco, tutto è abbastanza accessibile, anche se, come avrò modo di verificare in seguito, le pedane che vengono costruite appositamente per le carrozzine hanno sempre una pendenza tale da non poter essere praticabili da soli.

 

IMG_6580.JPGMi chiedo sempre il motivo per cui quando si effettuano delle modifiche, non si rifletta di più nel farle, in questo modo avrebbero un senso per essere utili.

 

 

IMG_6578.JPGIl bagno è molto grande, con una doccia immensa, ma anche qua non si comprende per quale ragione vi è un gradino per entrarvi, la seduta è fissa in sasso distante a circa un metro dal gradino dove si ferma la carrozzina. Ora se una persona non può camminare, non lo fa nemmeno per un metro.  Oh sbaglio ?

Va beh….come spesso accade, alla fine ci si arrangia, e si creano dei trucchetti per evitarli, come mettere una sedia che fa da ponte tra la seduta in sasso e la carrozzina.

Si cena a lume di candela, peccato essere con Srion e Joseph…

Mpamulangaultima modifica: 2010-11-05T22:18:00+00:00da rotex70
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento