Due note all’improvviso

note 3.jpgDi colpo…all’improvviso….

Sei lontano anni luce da quei momenti, da quelle sensazioni, sei convinto di averle dimenticate e che non ti mancano più…

Sei convinto di poterle ritrovare in altri mondi….

E di colpo, due note di una canzone che hai sentito e risentito mille volte, non so perché sbucano proprio in questo momento e perché solo ora, le sento come allora… note 1.jpg

Proprio ora che ero lontano, due note di una canzone stupida, mi bastano per ritornare là, per sentirne fortemente la mancanza, anche se so che non posso ritornare, mi è subito chiaro che non posso rimanere qua…

Devo rifare la borsa, devo raccogliere sti’ quattro stracci e continuare….

Mi viene da sorridere che quattro note sentite in lontananza, che probabilmente ho sentito solo io, mi faranno allontanare di colpo…e non potrò nemmeno spiegarlo…

Uffff….un po’ mi dispiace….ma nemmeno poi tanto però….

Mi mette solo un po’ di malinconia … ma nemmeno poi tanto però….

Lo so che sono i rischi del mestiere di chi decide di vivere di “note musicali”…

note 2.jpg
Due note all’improvvisoultima modifica: 2008-11-02T17:53:00+00:00da rotex70
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Due note all’improvviso

  1. La musica è vita, parola di un musicista 😉 La nostra linea del tempo si attorciglia più volte, vorticosa, su se stessa e quei punti di contatto che altri chiamano deja vu non è altro che musica, lieve giunzione di un passato e di un futuro che sfioriamo appena.
    bye

  2. Anche a me capita di ritornare nel passato, di riprovare vecchie emozioni e di rivivere vecchi ricordi solo ascoltando poche note, magari anche di una canzone che, in realtà, non mi ha mai detto molto.
    Ma è il potere della musica: ti entra in circolo nel sangue, ed è dura riuscire a farne a meno!

  3. E’ che le senti all’improvviso, non sei preparato e ti spiazzano e ti vorresti fermare, accompagnarle con altri accordi sussurrati con le labbra ma non te lo lasciano fare, non te lo puoi permettere. Ma succederà, si, succederà un giorno che riusciremo a fregarcene del tempo e ci sederemo e ricorderemo battendo il ritmo con il piede.

Lascia un commento