Dublino – il rientro

Come a Parigi è obbligatorio andare a vedere la Torre Eiffel e a Londra si deve andare a vedere il Bing Bang, a Dublino è obbligatorio andare alla Guinness.

625310104.JPGLa Guinness storehouse si trova leggermente in una zona periferica di Dublino, in cui viene prodotta la famosa birra.

Il birrificio della Guinness è la “Disneyland” degli amanti della birra, si effettua un percorso su più piani in cui viene spiegata, con immagini, fotografie ed effetti vari la fabbricazione della birra più famosa d’Irlanda. Si parte dal malto e si arriva agli spot pubblicitari. Per finire con un piccolo assaggio della “scura”. Il tour l’ho trovato un po’ noioso, con immagini e percorsi scontati. 1442477000.JPG

1223213461.JPGMa il “tour” forzato viene riccamente ricompensato all’ultimo piano (il settimo), dove vi è il Gravity Bar, le pareti sono vetrate in cui ammirare, sorseggiando a questo punto volentieri una Guinness, tutta Dublino. Uno spettacolo !!!

Altro percorso piacevole è lo shopping center, vi sono ovviamente tutti i gadgets possibili  della Guinness, nonostante non sia un amante del genere, ho fatto, da buon turista, i miei “obbligati” acquisti !!

1259454373.JPGGironzolando per Dublino ci siamo imbattuti in una manifestazione per i diritti dei nigeriani, sinceramente non ho capito molto bene le motivazioni, però è stato piacevole vedere persone di colore con i loro abiti tipici, solari e colorati, percorre le vie di una città cosi diversa da quella di origine dei manifestanti, sia per “colori” che per “solarità”.

Mi ha fatto riflettere che nonostante le apparenti diversità tra irlandesi e i nigeriani, i primi così “bianchi” e i secondi così “neri”, i primi abituati alla pioggia e al freddo, i secondi abituati al sole e alla siccità, entrambi però sono una popolazione allegra e giocosa.1001305595.JPG

1019317942.JPGE forse per questo che alla fine il tutto si mescola senza troppi problemi, anche se forse qualche problema vi è, visto che i nigeriani stavano manifestando…

La permanenza a Dublino è stata fortunata dal punto di vista meteorologico, ma ovviamente un po’ di pioggia ce la siamo beccata, Per i dublinesi la pioggia sembra non dare alcun fastidio, passeggiano tranquillamente vestiti ed agghindanti da gran galà mentre cade una pioggia a catinelle, sembra che non si accorgano dell’acqua che scende dal cielo, capisco che è sarà la forza dell’abitudine, però l’acqua è bagnata anche in Irlanda. Mah?!

Altro “obbligo” turistico è il Trinità College, una delle Università più importanti d’Europa, in cui vi una biblioteca straordinaria, uno di quei posti in cui vorresti perderti per giorni, appena entri viene sopraffatto dall’odore “di libro vecchio” e speri di annusare un po’ di sapere, invece esci ancora più gnocco di quando sei entrato….

E cosi si ritorna a in Italia…

Dublino – il rientroultima modifica: 2008-10-19T18:20:00+00:00da rotex70
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Dublino – il rientro

Lascia un commento