Dublino – gironzolando

Dalla sala delle colazioni,  mentre ci si abbuffa di uova e bacon, guardavo le belle e colorate porte vittoriane, che poi ho ammirato meglio durante il passeggio nelle vie della zona vittoriana, dove vi è albergo.

1001113206.JPGEdifici molto semplici grigi o bianchi, senza grondaie con finestre molto ampie, ma con porte coloratissime. Sono portoni rossi o blu o verdi, ma se ne vedono di ogni colore, gialli, rosa, viola.653862211.JPG

In poco tempo ci si accorge che la zona centrale di Dublino non è molto estesa, 91406494.JPGla si può girare tranquillamente a piedi e con calma, pertanto non è necessario utilizzare i mezzi, che comunque sono accessibili (sia autobus che i nuovissimi e modernissimi tram).

Le strade non sono particolarmente trafficate, sembra tutto molto tranquillo, molto “scorrevole”.

1117231275.JPGCome tutte le città anglosassoni vi sono molti parchi, in cui ci si può riposare o fare sport, ci si addentra per qualche ora o minuto e si perde subito la cognizione e i ritmi della città.

I colori sono di un verde intenso, dovuto alle molte precipitazioni.  Ogni volta che entro in questi parchi mi chiedo per quale motivo in Italia, non vi è l’abitudine di creare delle zone verdi all’interno delle nostre città.

Dai parchi ci si trova subito nelle vie del centro, dove fanno da padrone le zone pedonali, in cui, come ovunque, vi sono negozi, centri commerciali, ristoranti e bar.

Si può mangiare a qualsiasi ora e qualsiasi tipo di cucina.

La zona sicuramente più carina e “caratteristica” è Temple bar, in cui vi sono decine di pubs, in cui si può bere ettolitri di ottima birra.

Temple bar si trasforma, ovviamente durante la sera ed ancora di più durante i week end, i pubs si riempiono sino all’orlo di ragazze che festeggiano l’addio ai nubilati, vestite da barbie, da conigliette, con magliette e cartelloni che indicano che quella “è la loro serata”. Ragazzi che hanno il boccale di birra come parte integrante del loro braccio.

Ma è straordinario vedere come, all’interno dei locali, vi sia una mescolanza tra giovani e meno giovani, tutti uniti dalla voglia di far festa, tutti sorridenti, tutti ubriachi.

Ogni week end nei pubs s’incontrano e festeggiano come se fosse la festa più divertente dell’anno. Scopri molto presto che per gli irlandesi è sempre festa, è sempre capodanno. Dopo trenta secondi che sei all’interno di un locale non puoi che fare amicizia, non ha importanza che lingua parli, che età hai, da dove arrivi, devi solo festeggiare.

Non importa se capisci quello che ti dicono, l’importante è sorridere, è ubriacarsi di birra o di  divertimento. E’ proibito essere amorfi!!!

Colpisce tutto questo entusiasmo l’umore sempre così alto durante i week ends, alla fine credo che possa diventare sforzato ed anche monotono.

Ma l’allegria, la cortesia è la gentilezza degli irlandesi, non la trovi solamente alla sera nei pubs, ma anche durante il giorno quando chiedi un informazione, o quando ti sorridono per strada, o quando acquisti un souvenirs o una pagnotta di pane.

In poco tempo ti senti in un paese amico, ospitale.

Colpisce anche la resistenza al freddo che ha questa popolazione, dove (probabilmente abituati dalla pioggia e dal vento) escono semi nudi per le strade. Ragazze con abiti francobollo che gironzolano tranquillamente sotto la pioggia a temperature proibitive, come colpisce la loro “disponibilità” …

Ma alla fine fa tutto parte della voglia di divertirsi e di giocare e cosa c’è di meglio che non prendersi troppo sul serio.

Dublino – gironzolandoultima modifica: 2008-10-16T00:20:00+00:00da rotex70
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Dublino – gironzolando

Lascia un commento