E quindi?!…. E allora?!….

Spesso e volentieri mi sento dire:

“Ma quanto viaggi? Ma quanti soldi hai? Ma quanti giorni di ferie hai ? non lavori mai…non fai un ..azzo” .

Il susseguirsi di queste domande, mi ha fatto pensare di essere diventato milionario e nullafacente senza essermene accorto.

2c8a4c5c88c9d8481557a0212ec7e6c1.jpg

Avrò quindi vinto la lotteria?? oppure sono tra i pochi che lavoro in una ditta dove si hanno 33 giorni di ferie all’anno?

Sono quindi un prediletto !!

Poveretti gli altri che lavorano solo loro e guadagnano una miseria !!! Poveretti !! Beato me !!

Poi ho notato che queste domande, mi venivano poste insistentemente anche dai miei colleghi, al punto che ultimamente, quando parto cerco di non dirlo, in quanto mi fanno sentire in colpa, come se non avessi nulla di meglio da fare e da pensare che viaggiare.

Insomma mi fanno sentire un buontempone !!

Il “senso di colpa” fatto venire dai colleghi, mi ha fatto chiedere “Ma questi che guadagnano come me o più di me (lo so perché lavoro all’ufficio personale 😉 ) ed hanno una situazione familiare pari alla mia, oppure vivono in coppia ma lavorano entrambi, ed hanno anche lo stesso mio numero di ferie.

Per quale motivo mi devo “sentire in colpa”? Per quale motivo ogni volta che dico che sto per partire mi devo sentire dire: “Beato te, potessi farlo anch’io… ma come fai??!!, Sei sempre in giro…Ah beato te”.

Perché si fanno tante domande su “come mai gli altri ci riescano” e poche su come “mai non ci riusciamo”.

A mio parere, la risposta è molto, molto semplice, non a tutti interessa fare le stesse cose, si hanno priorità diverse. 

A me piace viaggiare e pertanto viaggio !!! Semplice !

Altri preferiscono, spendere i loro soldi, in auto, vestiti, cene, aperitivi, caffè, sigarette, tecnologie, cibo, fare colazione al bar, uscire tutte le sere ecc ecc.

Anche a me piacciano queste cose, ma le riduco, per avere la possibilità per viaggiare.

Per esempio durante il periodo che ho dato la priorità ad avere una casa tutta mia, ho smesso di viaggiare.

Se un giorno avrò la priorità di comprarmi la valigia di Louis Vuitton (eventualmente sparatemi), viaggerò di meno.

Sono tutte scelte legittime, ma diverse.

Mi piace viaggiare e vorrei farlo fintanto che lo potrò fare, in questo momento è una delle mie priorità.

Credo che la maggior parte di quelli che mi dicono che vorrebbero viaggiare,  in realtà per loro non sia prioritario, ma è solo una delle tante cose che vorrebbero fare.

La maggior parte delle persone, non ama viaggiare, ma preferisce andare in vacanza.

Quando rientro da un viaggio sono stanco, più di quando vado a lavorare, ma per rilassarmi utilizzo il week end o le serate durante la settimana.

Solitamente non prendo ferie per andare dal parrucchiere (soprattutto perché mi manca la materia prima) o per fare commissioni, cerco di darmi da fare durante la pausa pranzo o in altri momenti della giornata.

Sono fortunato, nel poter prendere ferie durante tutto l’arco dell’anno, di non essere vincolato alle 4 settimane di ferie durante il mese d’agosto. Lavoro quasi sempre ad agosto, visto che è il periodo più caro e caotico per viaggiare.

Per organizzare un viaggio bisogna aver inoltre la voglia e la pazienza per informarsi sui luoghi che si vogliono visitare oltre che trovare voli e sistemazioni economiche.

Generalmente il volo lo prenoto con anticipo, il prezzo dei voli europei o nazionali costa mediamente 60/100euro (il costo di due cene), evito di andare in hotel a 4 stelle, mangio frutta a pranzo e mi concedo solitamente una cena, stando attento a non andare in luoghi turistici dove è probabile che ti freghino.

 

La questione “non è come si fa ” ma “cosa si vuole fare”!!

E quindi?!…. E allora?!….ultima modifica: 2008-05-25T14:55:00+00:00da rotex70
Reposta per primo quest’articolo

10 pensieri su “E quindi?!…. E allora?!….

  1. e BRAVO Roty!!!
    purtroppo io posso andare in ferie solo ad agosto e a Natale, in altri periodi posso solo chiedere un giorno qua e la…
    caro mio, l’esigenza del viaggio è una cosa che ci viene da dentro, come una malattia, sana, che ti spinge alla conoscenza ogni volta di posto nuovi, ad ogni mio viaggio torno, stanca, felice e rigenerata ed innamorata del nuovo posto visitato! la nostra medicina è prendere un volo aereo e andare via lontano…
    i conti in tasca li fanno pure a me! e io li faccio fare, ma non sanno che dietro ci sono comunque sacrifici! preferisco non uscire un weekend e sapere che ciò che risparmio verrà con me in vacanza! ultimamente ho fatto shopping pensando al viaggio…come se dovessi già partire!
    non ti abbronzare troppo ;-)))
    ti abbraccio Amico Mio

  2. Ciao,
    puoi catalogare il tuo blog inserendo in ogni post delle TAG appropriate al contenuto che inserisci, ovvero quelle etichette che vengono poi utlizzate dalle tag clouds e dai diversi motori di ricerca per trovare i siti. Se inserisci in tutti i tuoi post la tag “viaggi” il tuo blog sarà catalogato come un blog di viaggi.

Lascia un commento